Disegno di Legge n. 698 del 06-02-2020 Disposizioni in materia di beni culturali e di tutela del paesaggio

  • Utente

    Data

    Parere o Suggerimento / Risposta degli On. Deputati

  • Utente marilinacingari

    Data 03-06-2020 15:28

    Parere o Suggerimento

    Esprimo il mio dissenso sul disegno di legge n.698 del 06.02.2020 e chiedo pertanto ai deputati regionali di non votarlo e respingerlo. Si dia la tutela dei Beni culturali della Sicilia ad esperti del...  Esprimo il mio dissenso sul disegno di legge n.698 del 06.02.2020 e chiedo pertanto ai deputati regionali di non votarlo e respingerlo.
    Si dia la tutela dei Beni culturali della Sicilia ad esperti del settore con alte competenze e provate esperienze, conseguite anche all'estero.
    Grazie.
    Marilina Cingari 

  •  

    Data 01-07-2020 10:34

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente giuseppe_augliera

    Data 02-06-2020 17:33

    Parere o Suggerimento

    Una parola sola per descriverlo Indegno  Una parola sola per descriverlo
    Indegno 

  •  

    Data 01-07-2020 10:34

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente paoscalia

    Data 02-06-2020 00:26

    Parere o Suggerimento

    Contrario, non permettere di distruggere il paesaggio della Sicilia per biechi interessi.

  •  

    Data 01-07-2020 10:36

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente federica.vitale197

    Data 01-06-2020 14:35

    Parere o Suggerimento

    Il ddl punta a svilire il ruolo delle sovrintendenze, organismi fondamentali di tutela del territorio e dei beni culturali, storici e artistici della Sicilia. Ã? grazie alle sovrintendenze che in più...  Il ddl punta a svilire il ruolo delle sovrintendenze, organismi fondamentali di tutela del territorio e dei beni culturali, storici e artistici della Sicilia. Ã? grazie alle sovrintendenze che in più occasioni le risorse della Sicilia sono state protette da interessi privatistici, spesso per niente trasparenti e i cui sospetti legami con la mafia sono diventati oggetto di indagine giudiziaria, che le avrebbero deturpate, impoverendo ulteriormente l'isola e i suoi abitanti. Da cittadina dell'ennese, cito ad esempio il caso di Contrada Muglia, salvata dalla Oikos, azienda che ha già deturpato il territorio di Motta Sant'Anastasia e il cui ex amministratore e oggi socio Mimmo Proto è stato condannato per corruzione. Le sovrintendenze vanno rafforzate, non private delle loro competenze! Un ddl in materia di beni culturali e di tutela del paesaggio deve essere pensato in modo partecipativo, con l'imprescindibile coinvolgimento delle associazioni di difesa del bene comune (Legambiente, Zero Waste, WWF sono solo alcune) e di categoria (vedasi l'ordine degli architetti), affinché gli interessi dei siciliani siano garantiti e non ignorati o, peggio, calpestati, da politici e privati spregiudicati. 

  •  

    Data 01-07-2020 10:35

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente gabriellafilippazzo

    Data 01-06-2020 13:52

    Parere o Suggerimento

    Sono SFAVOREVOLE PERCHÃ? CREA SVANTAGGI ALLA SICILIA.

  •  

    Data 01-07-2020 10:34

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente cristina.alga

    Data 01-06-2020 11:20

    Parere o Suggerimento

    Suggerimento 1) Con la LEGGE 2 luglio 2014, n. 16.sono stati istituiti in Sicilia gli Ecomusei, musei di territorio e di comunità che mettono al centro le storie locali, il paesaggio, la partecipazio...  Suggerimento 1) Con la LEGGE 2 luglio 2014, n. 16.sono stati istituiti in Sicilia gli Ecomusei, musei di territorio e di comunità che mettono al centro le storie locali, il paesaggio, la partecipazione, presidi di cultura e welfare molto adatti a sostenere la coesione sociale in questi tempi difficili ma anche a proporre modelli di sviluppo sostenibile e turismo di qualità. Ce ne sono 11 riconosciuti dalla Regione a seguito di procedura di valutazione. Sarebbe il caso che fossero inseriti nel testo laddove si elencano le diverse tipologie di beni culturali.
    2) Tra i membri del Consiglio dei Beni Culturali oltre ai soliti "esperti" perchè non prevedere la possibilità di avere due rappresentanti under 40 di associazioni culturali attive nella gestione del patrimonio? sarebbe un innovazione importante, uno svecchiamento della gestione accademica dei beni culturali e un riconoscimento a chi con fatica ha creato posti di lavoro giovani valorizzando il patrimonio locale. 

  •  

    Data 01-07-2020 10:33

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente 2girolamolombardo

    Data 31-05-2020 16:06

    Parere o Suggerimento

    Il paesaggio è entità che supera i confini amministrativi e richiede una competenza tecnica che gli uffici tecnici dei comuni non hanno. Il parere urbanistico risponde a criteri di valutazione di na...  Il paesaggio è entità che supera i confini amministrativi e richiede una competenza tecnica che gli uffici tecnici dei comuni non hanno. Il parere urbanistico risponde a criteri di valutazione di natura diversa rispetto a quelli connessi alla tutela paesaggistica.
    Ã? un disegno di legge indegno per una isola dai tanti paesaggi. Vogliono avere mano libera per accaparrarsi quei pochi luoghi salvati all'abusivismo, al degrado. e alla privatizzazione. Una politica suicida. 

  •  

    Data 01-07-2020 10:33

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente flavioprincipato97

    Data 29-05-2020 00:24

    Parere o Suggerimento

    I beni culturali da anni in sicilia vengono sottratti di ogni risorsa, economica ed umana. La chiave per aumentare l'efficienza della Soprintendenza in Sicilia è formare personale, se necessario con...  I beni culturali da anni in sicilia vengono sottratti di ogni risorsa, economica ed umana. La chiave per aumentare l'efficienza della Soprintendenza in Sicilia è formare personale, se necessario con mobilità di personale da uffici con carico di lavoro inferiore o addirittura nullo. La tutela delle nostre radici e della nostra bellezza rischia di essere trafitta da un DDL che non tiene conto dei veri problemi e rischia di portare alla distruzione della nostra stessa identità. 

  •  

    Data 01-07-2020 10:33

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente nat.lapietra

    Data 28-05-2020 21:33

    Parere o Suggerimento

    Non sono favorevole perché.... produce svantaggi.

  •  

    Data 01-07-2020 10:33

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente giovanna.gatto.65

    Data 28-05-2020 20:28

    Parere o Suggerimento

    L'articolo 50 "piano paesaggistico regionale" della presente proposta di legge, non tiene conto dell'articolo 143 lettere a)b)c)d)e) del decreto legislativo n.42/2004, infatti omette fra i contenuti...  L'articolo 50 "piano paesaggistico regionale" della presente proposta di legge, non tiene conto dell'articolo 143 lettere a)b)c)d)e) del decreto legislativo n.42/2004, infatti omette fra i contenuti del piano così congegnato, quelli fondamentali determinati dall'individuazione, dalle prescrizioni e normative d'uso dei beni paesaggistici ai sensi del medesimo articolo. Traspare dalla formulazione di questo articolo 50 la visione antiquata e fuorviante dello sviluppo socio-economico come cardine della pianificazione paesaggistica, che sacrifica e mortifica quella di sviluppo sostenibile e di tutela dei beni paesaggistici così come descritti dal decreto legislativo n.42/2004. 

  •  

    Data 01-07-2020 10:32

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente Aless.castorina

    Data 28-05-2020 19:06

    Parere o Suggerimento

    Questo disegno di leggr è incostituzionale e dannoso. Segnerebbe la fine della tutela dei beni culturali disposta dall'art. 9 della Costituzione. Ã? anche una truffa perché in realtà il d. Lgd 42/2...  Questo disegno di leggr è incostituzionale e dannoso. Segnerebbe la fine della tutela dei beni culturali disposta dall'art. 9 della Costituzione. Ã? anche una truffa perché in realtà il d. Lgd 42/2004 codice dei beni culturalive del paesaggio è già vigente in Sicilia da 16 anni 

  •  

    Data 01-07-2020 10:32

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente Fidonedavide

    Data 28-05-2020 18:53

    Parere o Suggerimento

    Il ddl perfetto per demolire i beni culturali ed il paesaggio siciliano.

  •  

    Data 01-07-2020 10:32

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente leone.saija

    Data 28-05-2020 17:12

    Parere o Suggerimento

    Contrario!! Legge inutile che serve a complicare ulteriormente l'attuale quadro normativo. Proporrei un altro testo con un solo articolo: "tutta la legislazione regionale successiva al 1965 e' abrogat...  Contrario!! Legge inutile che serve a complicare ulteriormente l'attuale quadro normativo. Proporrei un altro testo con un solo articolo: "tutta la legislazione regionale successiva al 1965 e' abrogata". Basta con questi pasticci di leggi comunitarie, nazionali e regionali che si intrecciano e sovrappongono. Occorre semplificare, il cittadino non ne può più. Leone sauna avvocato. 

  •  

    Data 01-07-2020 10:31

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro

  • Utente sardegnacarmelo

    Data 28-05-2020 17:00

    Parere o Suggerimento

    Tale ddl sembrerebbe affetto da una visione molto riduttiva e semplicistica del rapporto tra i vari elementi che formano il paesaggio. Ne è controprova la difficoltà trovata dalla stessa UE a defin...  Tale ddl sembrerebbe affetto da una visione molto riduttiva e semplicistica del rapporto tra i vari elementi che formano il paesaggio. Ne è controprova la difficoltà trovata dalla stessa UE a definire il paesaggio nella Convenzione Europea per il Paesaggio . Il richiamo al territorio espressivo di identità, il cui carattere deriva dallâ??azione di fattori naturali e umani e dalle loro interrelazioni, rende incomprensibile la pretesa di un piano regionale, negazione della Storia da Elimi a Siculi a Sicani, passando dalla divisione in valli ( Mazara , Valdemone e Noto) con evidenti identità siciliane diverse. Ne è controprova l'arancina tonda della Val di Mazara che si contrappone all'arancino piramidale della Val di Noto. In tale contesto pensare che un povero responsabile di un UTC di un Comune sotto i 10.000 abitanti, che sono oltre la metà di quelli siciliani, possa apprezzare la complessità dell'argomento rilasciando o negando autorizzazioni e fuori da ogni realtà vissuta e conosciuta 

  •  

    Data 01-07-2020 10:30

    Risposta

    Grazie per il suggerimento che terremo in debita considerazione
    Aricò Alessandro